Auto / News
01 febbraio 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Asta di Scottsdale, cinque risultati sopra le righe

Alcuni modelli che hanno ottenuto risultati di vendita record nelle prime aste dell’anno e che potrebbero condizionare le rispettive quotazioni future.

Nonostante si sia chiusa con un fatturato inferiore del 5% rispetto allo scorso anno, la settimana di Scottsdale ha dato anche segni positivi sul mercato di inizio 2018. Come abbiamo già pubblicato in un recente servizio, si sono pur sempre vendute 2.668 vetture su 3176 in catalogo: l’84% del totale. Sono cifre impressionanti con le quali non si può certo parlare di crisi.

Non tutte le auto più attese sono state aggiudicate alle cifre richieste (guarda la Top Ten); molte altre hanno ottenuto quotazioni superiori alla media degli ultimi mesi e anche anni, risalendo nell’indice di gradimento dei collezionisti. Ma ce ne sono alcune che hanno superato le quotazioni raggiunte fino a oggi e che potrebbero condizionare il mercato dei rispettivi modelli nei prossimi mesi.

A iniziare da quella che ha ottenuto il miglior risultato in assoluto tra tutte le vetture vendute: la Ferrari 275 GTB Speciale di Battista Pininfarina. Ma ci sono novità anche tra le vetture più accessibili. Ne abbiamo selezionate cinque. Eccole (i prezzi sono comprensivi dei diritti d’asta):

1 1964_ferrari_275_gtb-005
Ferrari 275 GTB, 1964
Stima d’asta: € 6.500.000 - 8.200.000
Venduta a: € 6.597.307 ($ 8.085.000)
Casa d’aste: Gooding&Co.
È l’unica 275 GTB Speciale esistente, voluta con numerose piccole modifiche stilistiche dallo stesso Battista Pininfarina, che l’ha usata personalmente per diverso tempo (paraurti anteriori più piccoli, una griglia diversa, indicatori frontali prominenti, protezioni dei fanali differenti, interni personalizzati, e molto altro. La richiesta era altissima e la stima minima è stata superata solo sommando i diritti d’asta. Va detto però che fino a oggi il valore massimo del modello di serie è stato di 3,45 milioni di euro (agosto 2014): l’effetto Pininfarina, la rarità della vettura, la sua storia documentata e il restauro da concorso a cui è stata sottoposta ne hanno fatto raddoppiare il prezzo. Quanto risentiranno della nuova valutazione le vendite future di questo modello?

10 ISO
Iso Grifo A3/L Prototipo, 1963

Stima d’asta € 900.000 - 1.250.000
Venduta a € 1.436.148 ($ 1.760.000)
Casa d’aste: Gooding&Co.
Una delle vendite più sorprendenti tra le 2.668 auto battute all’incanto durante la settimana di Scottsdale: una Iso Grifo, mai arrivata a cifre così alte. A spingerla così in alto, la rarità del modello, il fatto che sia il prototipo (telaio 001) esposto nello stand di Bertone al Salone di Torino del 1963, e il notevole grado di originalità. Progettato da Giotto Bizzarrini, con il contributo di Giorgetto Giugiaro, è alimentato da un motore Corvette V8 e costruito sul telaio passo corto della Iso Rivolta. Le differenze con gli esemplari prodotti riguardano una linea del tetto e una linea di cintura più bassa, più sportiva e interni più lussuosi. Tra le unicità anche un cambio e un volante speciali.


top-100-sales-2018-scottsdale-auction-week-44.png

Volkswagen Type 2 Deluxe 23-Vetri, 1960
Stima d’asta € 80.000 - 100.000
Venduta a € 179.518 ($ 220.000)
Casa d’aste: Gooding&Co.
Mai raggiunta una così alta da questo modello, anche se altri due esemplari si sono avvicinati molto. Soprattutto uno venduto nel 2011 a 217.000 dollari. Si tratta della versione più richiesta del Bulli Volkswagen, in questo caso restaurato in condizioni da concorso e ancora tutto originale, anche nei colori, nella trama quadrata dei tappetini, nella tappezzeria e nelle finiture interne, come confermato dal certificato di autenticità che lo accompagnava. In più montava alcuni optional speciali, come una stufa particolare e un gradino laterale per facilitare la salita dei passeggeri.

lancia 037
Lancia 037 Stradale, 1982
Stima d’asta € 350.000 - 450.000
Venduta a € 362.000 ($ 451.000)
Casa d’aste: Bonhams
Giudicata come uno dei migliori esemplari in circolazione, molto rara da trovare in vendita, ha superato, anche se di poco, la stima massima raggiunta prima da questo modello in una vendita all’asta (336.000 euro nel 2015).

mercedes 500 E
Mercedes 500E, 1993
Stima d’asta € 15.000 - 40.000
Venduta a € 59.241 ($ 72.600)
Casa d’aste: Russo and Steele
Una vettura speciale, nata in collaborazione con la Porsche, che abbina lusso e prestazioni. Dotata di un otto cilindri a V da 5,0 litri, capace di esprimere 315 CV di potenza massima e 5,5 secondi nel 0-100 km/h, ha visto le sue quotazioni crescere sensibilmente negli ultimi anni. Quello ottenuto da questo esemplare è in assoluto il prezzo massimo mai raggiunto in un’asta.

Gilberto Milano

Condividi
COMMENTI