Aste
06 June 2020 | di Gilberto Milano

Aste online: è corsa all’affare!

Sono 200 le vetture offerte da RM Sotheby's nella sua ultima asta online: auto sportive di varie epoche, la metà delle quali appartenute a Marcel Petitjean, ex pilota e proprietario di una vasta collezione.

Ancora qualche giorno per valutare, chiedere informazioni, chiarimenti, verifiche e poi via alle offerte. C’è tempo infatti fino a mercoledì 10 giugno per tentare di realizzare alcuni degli affari più interessanti e, sulla carta, più vantaggiosi degli ultimi anni. RM Sotheby’s ha messo all’asta la Petitjean Collection, un centinaio di auto raccolte dagli anni '50 agli anni '90 dall’ex pilota automobilistico francese e grande collezionista Marcel Petitjean, tutte proposte senza prezzo di riserva. Il prezzo di aggiudicazione sarà quello massimo raggiunto all’orario di chiusura dell’asta, anche se molto inferiore ai valori stimati.

La Stella più brillante. Da ex-pilota automobilistico Marcel Petitjean prediligeva le vetture di grandi prestazioni, quasi tutte italiane, tedesche e inglesi. Rare le francesi e, curiosamente, assenti le Ferrari. La più prestigiosa è una Mercedes-Benz 300 SL Roadster del 1958 (valutata 800.000-1.100.000 euro), seguita da una Lamborghini Miura P400 del 1969 (700.000-800.000 euro) e da una Porsche 904 GTS del 1964 (700.000-900.000 euro). Ma sono numerose le potenziali occasioni d’acquisto. Sicuramente Petitjean aveva una predilezione per le Lamborghini, marchio rappresentato nella sua collezione oltre che dalla Miura, anche dalla Countach, dallaIslero, Espada, Diablo, jarama, Urraco e Jalpa. In pratica c’è tutta la produzione di Sant’Agata Bolognese fino agli anni ’80.

Fascino italiano. Altrettanto interessante la presenza delle Maserati, che ha come pezzo forte una 3500 GTi Touring del 1962, seguita da Ghibly, IndY, Merak SS, Ghibly Spider e Mistral. Ricca anche la rappresentanza delle Alfa Romeo, con una Giulietta spider del 1956 , una Giulietta Sprint Speciale del 1962 (80.000-100.000 euro), una Giulia GT 1300 Juonior Zagato (20.000 – 30.000 euro la stima) e una Duetto del 1973.

Per tutte le tasche. Sempre tra le italiane, le Lancia sono presenti con una Fulvia Sport Zagato del 1970 (20.000-25.000) e una Fulvia Coupé del 1966 (15.000 – 20.000 euro). Mentre la Fiat è presente con una Dino Spider (90-130.000 euro); una Dino Coupé (40.000-60.000); una 1500 S Cabriolet del 1962 (25.000-40.000) e una 850 Spider (8.000-12.000). Interessanti anche le De Tomaso, presenti con una Pantera (50.000-75.000) e una Mangusta (200.000-250.000). Due invece le Intermeccanica, le ultime realizzazioni stilistiche di Franco Scaglione: una Apollo 5000 GT del 1965 (120.000-160.000 euro) e una Italia Spyder del 1970 (90.000-110.000 euro).

L’affare è dietro l’angolo. Per ora le offerte sono su valori inferiori del 50% la stima minima, e se non cambieranno fino a mercoledì, quando l’asta si chiuderà, le vetture saranno aggiudicate a quei prezzi. Difficile comunque che le offerte non salgano. Si tratta in prevalenza di auto sportive degli anni ’60, ’70 e ‘80, quindi molto desiderate, ma le opportunità non mancano. In genere, come abbiamo potuto osservare nelle aste online precedenti, tutto si gioca negli ultimi minuti, con continui rilanci che spesso, se la macchina è interessante, portano a superare il valore della stima massima.

Dulcis in fundo. Oltre alla Petitjean Collection, nell’asta a tempo Online only di RM Sothebys sono comprese anche altre 100 vetture di vario genere, quasi tutte del dopoguerra, con molte youngtimer (qui il catalogo completo)Tra queste una Porsche 935 Martini del 2020, per la quale sono richiesti 1.275.000 – 1.375.000 euro e una Bugatti Type 67 Cabriolet Gangloff del 1939, stimata 750.000-850.000 euro. Da segnalare anche una Lancia 037 Stradale del 1981 (420.000-520.000) e una Alfa Romeo 6C 1750 GT IV serie Spider Zagato (400.000-450.000 euro). Per le auto extra Petitjean Collection l’asta chiuderà un giorno dopo: giovedì 11 giugno.

Condividi
COMMENTI