Eventi
01 febbraio 2019 | di Paolo Sardi

Automotoretrò, Catawiki: che incanto le Abarth

Lo stand della casa d’aste Catawiki ospita molte auto dello Scorpione mentre altre vanno all’incanto online assieme a memorabilia di altissimo livello.

Catawiki non è soltanto uno sponsor ufficiale dell’edizione 2019 di Automotoretrò. Lo stand della casa d’aste, posto nel padiglione 2, rappresenta infatti una delle grandi attrazioni della manifestazione. Al suo interno si trova una ricca mostra che ripercorre la storia dell’Abarth e guida per mano il visitatore nella storia del marchio torinese.

Per tutte le tasche. Catawiki è celebre per la sue aste online, spesso dedicate agli appassionati di automobilismo. Ogni settimana la società olandese propone articoli per tutti i gusti e per tutte le tasche, dai modelli più popolari, come la Fiat 500 e la Citroën 2CV, a quelli più rari e ricercati di costruttori blasonati come Porsche o Ferrari (le dieci auto che hanno spuntato i prezzi più alti nella storia di Catawiki sono proprio del Cavallino). Il 3 di febbraio, quando si spegneranno i riflettori della fiera, si chiuderanno due aste che si sono aperte il 25 gennaio scorso e che vedono come grande protagonista il marchio dello Scorpione. Una è di automobilia Abarth e l’altra, che mette in vendita auto d’epoca, ha tra i pezzi migliori un’Abarth 1000 TC, assieme a una Fiat 500 Sport del 1959 e a un’introvabile LMX Sirex 2300 HCS, prodotta a Milano tra il 1968 e il 1973 in soli 35 esemplari.

Tributo al campione. Lo stand Catawiki ospiterà anche la presentazione del libro “Giorgio Pianta, una vita per le Corse”, scritto a quattro mani da Sergio Limone e dal giornalista Luca Gastaldi, già autore di “Abarth memories”. L’opera commemora il pilota scomparso nel 2014 e che nella sua lunga carriera ha guidato le auto più disparate come la Opel GT Conrero utilizzata nella Targa Florio del 1972, l’Alfa 155 GTA Superturismo del 1992 e il prototipo della Lancia Trevi Bimotore del 1983, tutte e tre presenti in fiera.

Condividi
COMMENTI