Auto
08 maggio 2019 | di Alfredo Albertini

Fiat 128, tutti i segreti dell’auto che ispirò la Golf

Dal 1969 al 1983, sono stati oltre tre milioni gli automobilisti che hanno scelto la Fiat 128 per le sue doti di confort e maneggevolezza. Un progetto così brillante e innovativo da aver ispirato la nascita della Volkswagen Golf.

Giorgetto Giugiaro ama ricordare che quando iniziò la sua collaborazione con la Volkswagen, all'inizio del 1970, fu convocato a Wolfsburg, sede del Gruppo tedesco, e fu accompagnato in un grande locale dove vide completamente smontata una Fiat 128.

Musa ispiratrice. I tecnici gli spiegarono che quella vettura doveva essere il punto di riferimento per la nuova Golf. A Giugiaro, ovviamente, scoprire che il metro di misura per la Volkswagen era un'automobile italiana fece molto piacere ma gli rimase in mente soprattutto un'affermazione da parte loro: “Non possiamo ottenere tanto, ma ci accontentiamo”.

Cinquant’anni e non sentirli. Della 128 venne poi ripresa la disposizione meccanica, con motore anteriore trasversale, ma non la linea che, come sappiamo, per la Golf sarebbe stata a due volumi con portellone. Ma torniamo alla nostra 128, che compie quest'anno mezzo secolo di vita.

Avanti tutta! La sua nascita segnò una svolta molto importante per la Fiat, e cioè il passaggio dalla trazione posteriore a quella anteriore, una soluzione sperimentata con la Primula dell'Autobianchi e poi affinata fino a raggiungere il massimo livello di affidabilità.

I primi prototipi. Lo sviluppo della 128, diretto dall'ingegner Dante Giacosa, responsabile della Direzione Progetti e Studi Autoveicoli, iniziò con un primo prototipo, denominato X1/1, definito nel 1965 e dalla linea molto simile a quella che avrebbe avuto la vettura definitiva. Nel maggio del 1968 tre 128 erano pronte per i test e altre otto seguirono il mese successivo.

Se non ora, quando? La Direzione generale stabilì che l'inizio della produzione sarebbe dovuto avvenire a gennaio del 1969. C'era dunque poco tempo, anche perché in quel periodo erano quasi pronti altri modelli, come le coupé e spider 850 seconda serie e le 124/125 Special, oltre all'aggiornamento della 500 con la nuova L.

Un’eredità pesante. Altre automobili sarebbero arrivate a breve, come la 130 e le Autobianchi A112 e A111. Ma la 128 era particolarmente importante: doveva sostituire la 1100 e inserirsi in un segmento di mercato fondamentale in Europa.

Uniti per centrare l’obiettivo. I collaudi si susseguirono senza sosta e senza orari, tra i difetti da sistemare c'erano le vibrazioni del tubo di scarico e l'eccessivo beccheggio. Giacosa ricorda così quel periodo: “La convinzione di compiere un lavoro importante, la comunicazione diretta tra i capi di ogni ordine e grado, la capacità di capirsi senza perdere tempo in parole inutili e l'ambizione di dimostrare che alla Fiat si sapeva mettere in produzione due modelli del tutto nuovi (128 e 130, ndr), anzi quattro con quelli dell'Autobianchi (A112 e A111, ndr) in uno stesso anno muoveva tutti, dai massimi responsabili fino ai capi di ogni grado dell'officina”.

Segni particolari. Quando uscì, alla fine di marzo del 1969, fu subito un successo: la “1100 degli anni Settanta”, così titolò all'epoca Quattroruote, era prodotta nel nuovo stabilimento di Rivalta ed era offerta inizialmente con due tipi di carrozzeria, berlina a due o quattro porte. Tra le caratteristiche ricordiamo il parabrezza e il lunotto incollati, come nella 124 Sport Coupé, la struttura anteriore e posteriore a resistenza differenziata, il tergicristallo a intermittenza, le portiere posteriori con sicurezza bambini, gli attacchi delle cinture a tre punti.

Tra tradizione e innovazione. Per quanto riguarda il motore, esso aveva una cilindrata di 1116 cm³, una potenza di 55 CV Din e la distribuzione ad albero a camme in testa comandata da cinghia dentata. Tra le raffinatezze, la base del carburatore riscaldata dall'acqua di raffreddamento per migliorare l'efficienza a freddo e l'elettroventola che si inseriva automaticamente sopra i 90°.

World car. Il cambio era a quattro marce, lo sterzo a cremagliera con piantone in tre pezzi. Velocità massima 135 km/h e consumo di 8 litri per 100 km. Pluripremiata con sette riconoscimenti internazionali di “Auto dell'anno”, è stata costruita in ben quattordici Paesi del mondo.

In perfetto equilibrio. Nel corso della sua carriera ha avuto vari rimaneggiamenti della carrozzeria, come i paraurti in plastica e i fari rettangolari, pur restando di base sempre la stessa, e ha avuto varie declinazioni, familiare, Rally e coupé. Al motore 1100 venne aggiunto anche un 1300. Sul dépliant dell'epoca si poteva leggere: “La 128 è così comoda e veloce in autostrada da non far desiderare una macchina più grande, ed è così compatta, maneggevole ed economica in città da non far rimpiangere un modello più piccolo”. Una frase che ha convinto più di tre milioni di persone ad acquistarla...

TAGS fiat fiat 128
Condividi
COMMENTI