News
25 October 2019 | di Fulvio Zucco

Via Carlo Abarth è a Mirafiori

Inaugurata oggi a Torino una via dedicata al grande costruttore di origine austriaca. Si trova nelle vicinanze degli stabilimenti FCA

Alla presenza delle autorità cittadine, in una giornata dal meteo infernale più che invernale, è stata celebrata l’intitolazione di una via adiacente agli stabilimenti FCA di via Plava, dove si trova anche Abarth Classiche, a Carlo Abarth, il costruttore scomparso esattamente 40 anni fa, il 24 ottobre 1979.

Settant’anni di successi. Luca Napolitano, responsabile Emea dei brand Fiat e Abarth, ha voluto sottolineare davanti ai presenti la serie di record e di vittorie, oltre 10.000, ottenute dalle vetture dello Scorpione dal 1949, quando fu fondata a Bologna la Abarth & Co. Ha preso la parola poi Roberto Giolito, responsabile di FCA Heritage, che ha ricordato quanto il marchio dello Scorpione (scelto in quanto segno zodiacale dei due fondatori, Abarth appunto e Guido Scagliarini), sorto dopo aver rilevato il materiale proveniente dal fallimento della Cisitalia grazie ai capitali messi a disposizione dal padre di Guido, sia tuttora vivo nel cuore degli appassionati.

Applausi e rombi. Doveroso omaggio tributato dal pubblico ad Anneliese Abarth, moglie di Carlo, che ha voluto scoprire personalmente la targa della via alla memoria del marito, e ad Arturo Merzario, celebre pilota da sempre vicino al marchio dello Scorpione. Emozione e applausi hanno suscitato anche le vetture del marchio, storiche e attuali, che hanno salutato il loro padre spirituale al suono inconfondibile dei motori elaborati in corso Marche, sede storica del marchio, e di quelli prodotti oggi, con una parata di 124 Spider e 595 e 695 in molteplici versioni, fra cui quella, azzeccatissima, realizzata appositamente per il settantesimo dell’Abarth e lanciata da poco sul mercato. Fra le storiche, 595 SS, Autobianchi A112 58 HP e 70 CV, Ritmo 125 TC, 124 Abarth Rally e un nugolo di Punto Abarth.

Condividi
COMMENTI