bollo auto

Auto / News
25 maggio 2016

Lista Chiusa Riar, ecco tutte le Alfa Romeo da salvare

Lista Chiusa sì, Lista Chiusa no: passano gli anni ma la querelle sull’opportunità di stabilire ufficialmente o no quali siano le auto ultraventennali da "salvare" applicando loro dei benefici fiscali non ha portato finora a una decisione unanime da parte degli Enti preposti a questo compito. Come noto, non tutte le Regioni applicano la direttiva definita lo scorso anno dalla Legge di Stabilità che impone a tutte le auto con età inferiore ai 30 anni il pagamento del bollo. Alcune Regioni offrono l’esenzione a tutte le ultraventennali, altre un'esenzione ridotta, altre nessuna esenzione, altre ancora un pagamento forfettario e altre ancora solo se le vetture sono iscritte nei Registri Storici riconosciuti (Alfa Romeo, Fiat e Lancia). La confusione è totale. Con il risultato che molti possessori di queste vetture hanno deciso di disfarsene o vendendole, spesso a collezionisti stranieri, oppure nei casi limite portandole direttamente dal demolitore. Una decisione fuori dal coro viene ora dal Riar, il Registro Italiano Alfa...
Redazione Ruoteclassiche
News
03 luglio 2015

Bollo "Ventennali", confermata l'esenzione in Lombardia

Una lettera pervenuta nei giorni scorsi a molti proprietari di automobili costruite tra i venti e i trent’anni orsono ha seminato un po’ di panico tra gli appassionati. La missiva intimava a chi non l’avesse già fatto di pagare la tassa di circolazione, il famigerato “bollo”, anche per quelle vetture che fino allo scorso anno erano esentate semplicemente dopo il compimento dei vent’anni. La lettera non diceva che i destinatari erano solo i proprietari dei veicoli non iscritti ai registri. Così, la riproduzione del testo sui social network ha generato confusione: i residenti in altre regioni, dove tutti devono pagare senza esenzione alcuna, commentavano che - finalmente - anche i lombardi sarebbero stati costretti a versare l’odiata tassa. E invece no: con una nota, l'assessore regionale all'Economia, Crescita e Semplificazione della Regione Lombardia, Massimo Garavaglia, ha precisato: "La Lombardia ha confermato anche quest'anno l'esenzione dal pagamento dalla tassa di circolazione per le cosiddette auto storiche, le vetture tra i 20...
Redazione Ruoteclassiche
News
07 aprile 2015

Bollo per le "ventennali", il Mef fa la voce grossa

Si alzano i toni tra Governo e regioni in materia di bollo per le auto "ventennali". Il Dipartimento delle Finanze del Ministero dell'Economia ha emesso, con data beffarda del 1° aprile, una direttiva con toni ultimativi sulla questione, bocciando ogni iniziativa a livello regionale volta a prevedere l'esenzione del bollo per le auto tra i venti e i trent'anni di età. Come scrivono i colleghi di Quattroruote, a sostegno delle sue argomentazioni, il Mef si basa su alcune recenti sentenze, ricordando nella sua nota che "la Corte Costituzionale, nella sentenza n. 297 del 26 settembre 2003, ha precisato che alle regioni a statuto ordinario, in definitiva, è stato attribuito dal legislatore statale il gettito della tassa, unitamente all’attività amministrativa connessa alla sua riscossione, nonché un limitato potere di variazione dell’importo originariamente stabilito con decreto ministeriale, ma che resta 'invece ferma la competenza esclusiva dello Stato per ogni altro aspetto della disciplina sostanziale della tassa stessa'”. E la sentenza n. 2888...
Redazione Ruoteclassiche
News
30 gennaio 2015

Bollo e "ventennali", qualche schiarita

La questione tasse automobilistiche per le auto che hanno compiuto vent'anni è ormai diventata da discussione al bar: “Le leggi regionali che esentano le ventennali sono tuttora in vigore e prevalgono su quella dello Stato” asseriscono taluni; all'opposto, altri rispondono che le regioni non possono legiferare in modo difforme a una legge nazionale, mentre altri ancora reclamano l'intervento chiarificatore del Governo. Un guazzabuglio che pare destinato a proseguire ancora a lungo, a scapito dei proprietari dei veicoli che alla fine di gennaio dovranno, anzi dovrebbero, o forse no, pagare il famigerato bollo, discriminati dalla regione di residenza o dall'interpretazione delle norme. Nella sua celebre "Legge di Murphy", l'umorista Arthur Bloch afferma che: “Una proliferazione di nuove leggi crea una proliferazione di nuove scappatoie”. Premesso che saremmo soddisfatti se appassionati e collezionisti riusciranno ad evitare del tutto di pagare tasse salate, e che molti rivendicano - dopo decenni di versamenti - il diritto a una riduzione pure per chi usa quotidianamente...
Redazione Ruoteclassiche