giorgetto giugiaro

Personaggi
07 giugno 2018

Scrivete a Giorgetto Giugiaro le vostre storie con le sue auto

“Tanti auguri Giorgetto”. Non vogliamo portarci avanti, solo sintetizzare con tre parole l’iniziativa che intendiamo far partire in occasione dell’80° compleanno del “designer del secolo”. La data, il 7 agosto 1938; la località Garessio (delizioso borgo tra Cuneo e il mare). Che abbiate posseduto, guidato una volta o considerato inavvicinabile per il vostro portafogli una delle sue innumerevoli creazioni, le avrete senz’altro impresse nella memoria come sintesi di armonia ed eleganza. Ebbene, proprio grazie a un ricordo che vi lega a una di loro, un nostro lettore avrà la straordinaria opportunità di partecipare nel ruolo di “inviato speciale” alla grande festa di compleanno che Giugiaro terrà nella sua dimora di Garessio (splendidamente ristrutturata) nella giornata del 7 agosto - in compagnia di un giornalista di Ruoteclassiche - e potrà raccontare attraverso le sue parole l’esclusivo evento. Come fare per aggiudicarsi questa possibilità? Scrivere un breve racconto di massimo 3000 caratteri: qualcosa che sia insieme straordinario, unico, ma soprattutto “vostro”. E...
Dario Tonani
News / Personaggi
29 gennaio 2018

Per gli 80 anni di Giugiaro arriva una sua nuova "creatura"

Cinquantacinque anni fa in questi giorni, un giovane disegnatore seguiva non senza apprensione il lavoro d’officina intorno alla sua prima concept car. Gli "scoccai" della Carrozzeria Bertone sapevano il fatto loro, ma costruire un prototipo avveniristico e marciante in due mesi e dieci giorni, guidarlo da Grugliasco fino in Svizzera, pur sotto la neve, poi all’autolavaggio e infine sotto i riflettori del Salone di Ginevra, non sarebbe stato un giochetto. Il giovane disegnatore era Giorgetto Giugiaro (qui la sua intervista a Ruoteclassiche dello scorso anno), date e cronache sono prese dalla sua agenda del gennaio 1963, la storia è quella della celebre Chevrolet Corvair Testudo, un coupé che anticipava i film di fantascienza, in realtà confortevole da guidare e su meccanica di grande serie. Tra qualche settimana la Testudo, che Giugiaro si è ricomprato qualche anno fa, compirà di nuovo la traversata delle Alpi, per fare da madrina a un’altra, provocante creazione. Quella del 2018, quella dell’ottantesimo compleanno del “Designer...
Redazione Ruoteclassiche
Auto / News
01 febbraio 2016

Torna in produzione la DeLorean DMC-12?

La DeLorean Motor Company, azienda con lo stesso nome (ma nessun legame) della factory fondata da John DeLorean nel 1975 e produttrice delle DMC-12, annuncia (ancora) il ritorno con una replica (con parti originali) dell'auto del film "Ritorno al futuro". Già attiva nel restauro e vendita di ricambi ed esemplari usati della mitica coupé disegnata da Giugiaro, starebbe finalizzando l'organizzazione dei fornitori (in particolare del motore). Lo scorso ottobre la vedova DeLorean le ha fatto causa per uso non autorizzato del nome del defunto marito. La DeLorean Motor Company di Humble (Texas) sta progettando (nuovamente; il primo tentativo è datato 2008) il ritorno sul mercato della DeLorean DMC-12, la mitica auto con porte ad ali di gabbiano resa famosa dal film "Ritorno al Futuro" del 1985 interpretato da Michael J. Fox e Christopher Lloyd. Il vice-Presidente James Espey ha dichiarato che a partire da marzo 2017 comincerà la produzione di 300 esemplari di una versione replica, identica in tutto e per tutto...
Alvise-Marco Seno
Auto / News
18 luglio 2015

Giugiaro ringrazia tutti. Ma è polemica

Sedici giorni dopo il clamoroso annuncio delle dimissioni da presidente onorario della Italdesign e della di cessione alla Volkswagen della propria quota e di quella del figlio Fabrizio (vedi articolo) Giorgetto Giugiaro si toglie il primo sassolino dalla scarpa e pubblica su tutti i principali giornali italiano un ringraziamento dal sapore polemico. Ringrazia dipendenti e collaboratori, media e giornalisti che lo hanno sempre sostenuto, ma, in particolare, ringrazia con grande rilievo “il geniale Ing. Ferdinand Piëch” e la moglie Ursula, che hanno consentito alla Italdesign Giugiaro di entrare in Volkswagen, “il più importante gruppo automobilistico del mondo”. Come si ricorderà, anche Ferdinand Piëch, presidente del Consiglio di sorveglianza del Gruppo Volkswagen dal 2002, lasciò polemicamente il Gruppo il 26 aprile scorso per divergenze con l’amministratore delegato Martin Winterkorn (vedi articolo). Oggi, con il suo ringraziamento, Giugiaro rende omaggio alla figura di questo geniale manager ma di fatto rende pubbliche anche le probabili motivazioni che lo hanno portato al clamoroso gesto...
Redazione Ruoteclassiche
Aste / Auto / News
19 giugno 2015

La Maserati Boomerang cambia residenza. Forse

La casa d’aste inglese Bonhams metterà all’incanto una delle show-car più famose degli anni 70, un modello che ha influenzato le forme di molte supercar del periodo e che rappresenta uno dei concept più famosi dell’Italdesign di Giugiaro. La seconda edizione del concorso d’Eleganza internazionale Chantilly Arts & Elegance, che si svolgerà nella doviziosa cornice dell’omonimo castello alle porte di Parigi all’inizio di settembre, ospiterà un importante appuntamento di Bonhams per i frequentatori delle grandi aste di auto da collezione. Il catalogo è ancora in costruzione ma già fin d’ora è ufficiale che uno dei prototipi più importanti degli anni 70 sarà tra i lotti all’incanto. Si tratta della Maserati Boomerang della collezione dello svizzero Albert Spiess, che sarà offerta all’incanto per trovarle un nuovo innamorato o un posticino di riguardo in qualche fondo di investimento. Il prototipo realizzato dal Tridente nei primissimi anni 70 rappresenta una delle automobili più importanti di quel periodo e uno dei massimi esiti dello...
Redazione Ruoteclassiche
News / Personaggi
01 aprile 2015

"I capolavori dello stile", tocca a Giugiaro

Con Ruoteclassiche di aprile arriva in edicola, al prezzo complessivo di 9,90 euro, il terzo volume della collana “I capolavori dello stile”, dedicato a Italdesign - Giugiaro. Approdato dal nulla al mondo dell'automobile, sebbene figlio d'arte perché iniziato dal padre alla pratica di illustratore e ai primi rudimenti del disegno tecnico, Giorgetto Giugiaro andò diciassettenne a lavorare alla Fiat, dove non fu comunque in grado di far emergere la propria personalità. L'occasione dietro l'angolo gli capitò nel 1959, quando Nuccio Bertone - il noto carrozziere che in quegli anni si stava imponendo con le geniali macchine immaginate da Franco Scaglione - gli affidò il compito di creare i bozzetti per l'Alfa Romeo 2000 Sprint, che furono approvati con entusiasmo dal vertice del Portello. La fantasia che Giorgetto profuse subito dopo in altre vetture riscosse unanimi consensi sul palcoscenico dei Saloni dell'auto grazie ad alcune soluzioni audaci, a volte spregiudicate. Già affermato nei cinque anni che egli visse da protagonista alla...
Redazione Ruoteclassiche