Auto
23 ottobre 2018 | di Gilberto Milano

Un’Abarth piuttosto rara all’asta a Padova

Tra le chicche presenti nel catalogo della vendita che la casa d’aste inglese Bonhams si appresta a tenere a Padova, c'è una Fiat-Abarth degna di attenzione: una 750 Record Monza Bialbero carrozzata da Zagato del 1959.

Di base, una Fiat 600. Si tratta di una delle versioni della piccola coupé torinese tra le meno diffuse, costruita in un numero limitato di esemplari per rientrare nella categoria dei prototipi sportivi. In questo caso la linea è opera della mano originale della Carrozzeria Zagato. La prima delle 750 fu presentata nel 1956, utilizzando come base una delle più comuni vetture dell’epoca: la Fiat 600. Zagato ne aveva personalizzato il vestito e Abarth tutto quello che c’era sotto: dal motore ai freni, alle sospensioni, senza tuttavia intervenire sul telaio della Fiat 600. Il risultato fu una piccola “bomba” stradale capace di prestazioni sportive sorprendenti, considerando la base di partenza.

Potenza raddoppiata. Grazie all’incremento di alesaggio e corsa il motore passava dai 633 cc della Fiat 600 ai 747 cc della versione Abarth, a cui seguiva la modifica di numerosi altri componenti, con il risultato finale di far crescere la potenza massima da 23 a 44 CV a 6.000 giri e portare la velocità massima a 153 km/h, un record praticamente.

Bialbero. La fase successiva, a cui fa riferimento il modello in asta, appartiene invece all’evoluzione del modello per il quale fu introdotto un motore con una testata disegnata direttamente da Abarth che portò la potenza massima a 47 CV, grazie anche all’inserimento del doppio albero a camme in testa (da qui il nome di “Bialbero”). Così equipaggiata la piccola 750 Bialbero diede del filo da torcere anche a vetture dalla cubatura più generosa.

Di slancio oltre i 100 mila euro. L'esemplare in vendita a Padova è una di queste, completamente restaurata all’esterno dalla Carrozzeria Faralli di Pisa, tra gli specialisti più apprezzati per queste vetture, e rivista nella meccanica da un altro specialista di Abarth toscano. La vettura è stata stimata tra i 120 e i 160 mila euro, un prezzo che sconta però l’impossibilità di partecipare alle rievocazioni storiche della Mille Miglia, al contrario delle versioni simili costruite negli anni precedenti, ma non dotate del pregiato motore Abarth Bialbero.

Condividi
COMMENTI