Eventi
15 October 2020 | di Paolo Sormani

Padova Auto e Moto d’Epoca scalda i motori

L’edizione 2020 di Auto e Moto d’Epoca a Padova conferma il programma del salone nel pieno rispetto del decreto anti-Covid. Quattro giorni di apertura, dalla preview di giovedì 22 a domenica 25 ottobre, con la raccomandazione di acquistare i biglietti in prevendita on-line.

Quando un evento importante come Auto e Moto d’Epoca di Padova riceve semaforo verde, è un’ottima notizia per tutto il settore e per gli appassionati. Dopo il nuovo decreto legge, gli organizzatori confermano i giorni di apertura (22-25 ottobre) nel rispetto delle normative anti-Covid vigenti. Con una raccomandazione: quella di acquistare il biglietto on-line sul sito Autoemotodepoca.com. In questo modo si evitano le file, con la possibilità di accedere in fiera attraverso gli ingressi dedicati, senza attese e soprattutto assembramenti. Mai come quest’anno, un evento cardine come Auto e Moto d’Epoca si presenta al momento giusto, per valutare i segnali di ripresa del settore. Nonostante le difficoltà di questo annus horribilis, ci sono le premesse un’offerta all’altezza delle aspettative per gli appassionati della cultura automotive classica.

I padiglioni, le Case e… l’Esercito. Sotto l’aspetto quantitativo, l’organizzazione conferma gli 11 padiglioni espositivi, ai quali si affiancano le aree esterne coperte dedicate all’asta di auto classiche e alle auto e moto in vendita dai privati. In particolare, il piccolo padiglione 2 sarà la “casa” di Club, Scuderie e Registri, mentre i commercianti e i restauratori di auto dei padiglioni 14 e 15 saranno affiancati dal classic motorsport. La lunga galleria dei padiglioni 7 e 8 sarà il “centro commerciale” dell’automobilia e delle parti di ricambio. In presenza ridotta rispetto all’anno passato e in forme diverse, torneranno nei padiglioni 1-4 le Case automobilistiche, che colgono l’occasione del più grande mercato d’epoca in Europa per affermare la propria “heritage”. Porsche parteciperà con l’esposizione “Prototipi da Leggenda - 20 anni di Porsche a Le Mans a 50 anni dalla vittoria del 1970”. Sarà la più importante raccolta mai vista a Padova dei bolidi di Stoccarda che hanno vinto dalla Sarthe a Daytona, fornita dalla Claro Collection. Mercedes presenterà la nuova classe S in anteprima europea, dopo la prémière al Salone di Pechino lo scorso settembre. McLaren sarà presente con la 720 Coupé e la 600 LT Spider, mentre a Padova arriverà anche la prima uscita ufficiale del restyling del SUV Bentley Bentayga. Lato due ruote, BMW Motorrad offrirà il lancio italiano della R 18, la possente cruiser classicheggiante con motore bicilindrico boxer da ben 1.800 cc. A proposito di moto, ma in verde oliva, per la prima volta l’Esercito Italiano parteciperà al Salone di Padova portando le Indian, Guzzi “Superalce 500”, Bianchi 500 e Gilera Saturno militari.

Le mostre a due e quattro ruote. “Il coraggio di sognare” è il filo tematico che unisce due importanti mostre dedicate all’ingegno e alla tenacia italiani nella storia delle due e quattro ruote. La prima, “L’ordinario diventa straordinario”, sarà allestita in collaborazione con ACI Storico nel padiglione 3. Una selezione di marchi e modelli dell’Italia postbellica celebrerà la capacità, tutta italiana, di trasformare auto comuni in prestigiose fuoriserie e bolidi da corsa. La seconda, “L’uomo che ha sconfitto i giganti”, sarà interamente dedicata a Genesio Bevilacqua, patron del team di Superbike e Superstock Althea Racing, con 20 modelli da corsa unici dalla collezione delle “Moto dei Miti”.

Gli appuntamenti ASI. Venerdì 23 l’Automotoclub Storico italiano renderà omaggio al maestro Aldo Brovarone, da poco scomparso, con una conferenza. Interverrano Paolo Pininfarina e i designer che hanno condiviso i tavoli da disegno con il grande stilista. Sabato 24 sarà presentata l’edizione italiana della “Guida FIVA all’uso responsabile dei veicoli storici sulle strade di oggi”, sviluppando il tema insieme al presidente FIVA, Tiddo Bresters. Imperdibile l’anteprima dell’esposizione di alcune delle 71 motociclette d’epoca salvate dalla dispersione del Museo Morbidelli di Pesaro. Il nucleo originario della collezione è stato acquisito dopo l’intervento del Ministero per i beni e le attività culturali, che ha bloccato l’esportazione dei pezzi con più di 75 anni. Potremo ammirare, fra le altre, la rarissima Moto Rêve 275 del 1907 (la più antica della collezione), la Benelli GP 4 250 Competizione del ‘42 (unico esemplare al mondo) e la Benelli GP 175 pilotata nel 1934 dall’iridato pesarese Dorino Serafini. Sarà ospite Pierpaolo Bianchi, vincitore del Mondiale GP nella classe 125 nel 1975, ‘76 e ‘77 in sella alle moto Morbidelli. Infine, lo stand ASI sarà ospiterà la presentazione di due libri dedicati ad altrettante icone dell’auto italiana degli anni Ottanta, la Fiat Panda e la Lancia Delta campione del mondo rally.

Ci siamo anche noi! E ci mancherebbe: come da tradizione, Ruoteclassiche e Youngtimer saranno presenti in forze. Il 24 ottobre in Via Tommaseo (davanti all’area espositiva) organizziamo il Raduno Italiano, con i modelli che hanno fatto la storia. Nel padiglione 4 presenteremo il corso gratuito “il Fai da te del collezionista”, riservato ogni giorno a dieci lettori. Per iscriversi, inviate una mail a eventi@ruoteclassiche.it. allegando i vostri dati (nome, cognome, recapito telefonico e indirizzo mail) e indicando il giorno e l’orario preferiti. Con gli esperti della MaFra, l’azienda leader nella cura dell’auto, insegneremo i trucchi e le attenzioni nella pulizia esterna e interna dell’auto classica. Cosa fare e soprattutto cosa non fare… E non solo. Ci vediamo a Padova!

Condividi
COMMENTI