mercato

News
28 aprile 2018

Beni di lusso, andamento lento per le storiche

I periodici aggiornamenti del Knight Frank Luxury Index dicono che nel 2017 le auto storiche sono cresciute del 2%, ma in dieci anni il valore medio è triplicato I veicoli storici crescono ancora ma le percentuali record degli ultimi anni sono ormai un lontano ricordo. Arriva un aggiornamento dell’indice Knight Frank con arte, monete antiche, auto storiche e  vini da collezione, che si passano il testimone oscillando con il segno più o meno in base alle scelte di investimento o gusti momentanei dei super ricchi sparsi agli angoli del globo. I cosiddetti "luxury collectibles" rappresentano in effetti anche un modo per i detentori di grandi patrimoni per "diversificare" e proteggersi dalle fluttuazioni dei mercati. Ma è bene ricordare che le auto, in questo paniere, hanno una particolarità che le rende uniche: non solo si possono guardare come un quadro, un francobollo o una moneta antica ma si possono anche “gustare” guidandole senza intaccarne il valore. Questo per esempio non accade con...
Redazione Ruoteclassiche
News
14 febbraio 2018

Classiche in calo, c’è il rischio di un nuovo 2008?

Wolf Richter, il provocatorio esperto di finanza internazionale torna a scrivere di auto classiche e nota come un calo delle quotazioni come quello verificatosi negli ultimi due anni non era capitato neppure in occasione della crisi del 2008. Le ragioni però questa volta sono diverse. Più preoccupanti? Le quotazioni delle auto classiche nell’arco temporale 2015 – 2017 avrebbero incontrato un forte calo, addirittura superiore a quello del panico finanziario legato alla crisi dei derivati del decennio scorso. Torniamo quindi a parlare di Wolf Richter, l'esperto di finanza autore di questa tesi e del quale ci eravamo già occupati in passato per le sue previsioni non molto ottimistiche sul futuro del mercato auto classiche. Nel suo ultimo post sul tema, riportato sul suo blog, non si usano mezzi termini e con tanto di grafici e dati basati su fonti ufficiali Hagerty si parla di una crisi molto forte. Incrociando i dati del 2015 e 2017, infatti, si registrerebbe un calo del...
Gilberto Milano
Auto / News
08 gennaio 2018

Comprare 30 azioni di una Testarossa? Ora è possibile

Una innovativa forma di fintech prova a creare un mercato azionario di auto classiche. Si chiama RallyRD, ha sede a New York e si sottoscrive via app. Avrà successo? Fondi che investono in auto classiche esistono da tempo ma una app che sembra uscita dai sogni fin tech e che rende possibile acquistare un certo numero di azioni di un esemplare di Porsche Speedster piuttosto che di Ferrari Testarossa o Ford Mustang d'antan non si era vista mai. Almeno fino al giorno del ringraziamento 2017, quando RallyRD, questo il nome della società e della app già scaricabile per iPhone, ha iniziato ad essere operativa. Il principio alla base di questa nuova forma di investimento nelle auto classiche è semplice nella sostanza, ovvero rendere possibile l'acquisto anche di piccole "quota parte" di costose auto classiche suddividendone il valore in azioni da vendere a differenti proprietari. Tutto direttamente online via app. La pratica, invece, ha richiesto la raccolta di finanziamenti per la start-up: 2,5 milioni dollari, la creazione di...
Redazione Ruoteclassiche
News
02 dicembre 2017

Mercato delle storiche, "Top Lot" o "Small Cap"?

Nonostante lievi flessioni dell’ultimo decennio le auto classiche sono ancora al top nella classifica degli investimenti di beni di lusso. In base ai dati Axa Art e Ademy solo i gioielli hanno fatto meglio. Ma ci sono molte differenze, determinate dal valore o dalla tipologia di auto. L’ultimo report di Axa Art (basato su dati Ademy) che registra tutte le transazioni legate alle aste degli ultimi dieci anni non lascia spazio a dubbi: nonostante una lieve flessione dell’anno in corso le auto classiche rimangono tra i migliori investimenti nel settore dei beni di lusso, con un eloquente +192%. Solo i gioielli sulla stessa base temporale hanno fatto meglio ma occorre tenere conto, confrontando due tipologie di beni da collezione molto diversi, che in quest’ultimo caso a determinare oscillazioni nella forchetta di prezzo possono anche essere i valori dei materiali preziosi come oro e diamanti. Per le auto il picco massimo di crescita, avvenuto nel 2015, sta ora lasciando spazio a...
Redazione Ruoteclassiche
Auto / News
30 ottobre 2017

Mercato, andamento lento per le classiche

L'ultimo report Knight Frank evidenzia una crescita debole nel primo semestre. Le classiche cedono il passo a vino e altri beni da collezione. In calo moderato anche Ferrari, Porsche e Mercedes. Dopo anni di crescita record a doppio digit (percentuali a doppia cifra) le auto classiche confermano la tendenza del 2016 e rallentano anche nel 2017: in base ai dati rilasciati nell'ultimo report dell'operatore immobiliare Knight Frank, che periodicamente aggiorna il suo “Luxury index” confrontando un paniere di vari beni, nei primi 6 mesi il valore medio è cresciuto solo del 2%. Un dato che, se non ci saranno grandi scostamenti nel secondo semestre dell'anno, porterà a un nuovo ribasso rispetto al 2016, quando la crescita su base annua si era fermata al 9%, già in deciso calo rispetto al 16% del 2015. Oltre ai freddi numeri poi ci sono i confronti con altri beni da collezione: le auto d'epoca avevano perso la leadership già nel 2016, cedendo il primato dei beni da collezione con più...
Redazione Ruoteclassiche
News
02 maggio 2017

Nuove tendenze, il vino da collezione batte le auto classiche

Le auto classiche rimangono il bene da collezione che si è rivalutato di più negli ultimi dieci anni, ma nel 2016 il vino ha fatto meglio. Dati e tendenze tutte da interpretare in un mercato sempre più selettivo e globale. Puntuale come ogni anno arriva il Knight Frank Luxury Index a misurare andamento e tendenze dei grandi patrimoni degli individui con una ricchezza superiore ai 30 milioni di dollari. Stiamo parlando di 193.490 persone con grande potere di acquisto e di 2024 con un patrimonio di oltre 1 miliardo di dollari, numero raddoppiato negli ultimi 10 anni. Come sempre, il lungo report che raccoglie numeri, sondaggi e pareri di esperti lungo le 68 pagine fitte di dati, fotografa l’andamento dei beni di lusso da collezione non solo degli ultimi 12 mesi ma pure degli ultimi 10 anni. Andando sui freddi numeri quest’anno la notizia è doppia: tra beni come francobolli, monete antiche, arte, diamanti, mobili antichi e molti altri quest’anno...
Redazione Ruoteclassiche
Auto / News
04 marzo 2017

Mercato auto storiche, i consigli di Bloomberg

Le auto storiche come le azioni, sempre al centro della passione ma anche del mondo degli affari. Questa volta tocca a Bloomberg indicare tre auto che varrebbe la pena mettersi in garage prima che le valutazioni inizino a salire troppo.  La crescente importanza delle auto classiche, non solo come mezzo meccanico per cultori appassionati ma anche come bene di investimento (asset class direbbero esperti di finanza in grisaglia) non si misura solo da fiere, eventi o concordi di eleganza. A tracciare la linea ci sono anche segni come questi: articoli di testate dal taglio finanziario come Bloomberg che si scomoda per indicare tre auto sulle quali puntare per unire piacere e ritorno sul capitale. Le tre sotto la lente sono: Porsche 928, Jaguar XJS e Mercedes 560 SEC, un terzetto indicato con molte ragioni a sostegno, diverse da quelle che potrebbero potare a investire sul mercato azionario ma, alla fine, neppure troppo. In fondo il gioco dei mercati spesso si...
Redazione Ruoteclassiche
Aste / News
15 febbraio 2017

Nuovi trend, arrivano i "millenial"

La tendenza emerge da Scottsdale e probabilmente influenzerà sempre di più le dinamiche di mercato delle auto storiche. I ragazzi nati tra il 1985 e il 2000 iniziano a visitare le aste ed acquistare auto d'epoca, supercar e instant classic; amano i suv e sono più interessati alle auto moderne e giapponesi. Anche con lievi modifiche. I “millenial”, detti anche “generazione y”, si affacciano come nuovi adepti e acquirenti nel mondo delle classiche: è una delle notizie emerse tra le pieghe delle aste di Scottsdale, tanto che il quotidiano USA Today ha dedicato un servizio al tema, intervistando operatori ed esperti del settore su questo nuovo fenomeno. Ma chi sono, cosa fanno e perché dovrebbero influenzare il mondo delle auto classiche gli appartenenti alla generazione nati tra il 1985 e il 2000? Partiamo da alcune considerazioni numeriche: secondo dati Goldman Sachs e altre analisi demografiche, con 91 milioni di unità i “millenial” rappresentano già oggi la generazione dominante a livello...
Redazione Ruoteclassiche
News
28 gennaio 2016

L'auto d'epoca? Rende più dell'oro

Il miglior modo di investire i propri quattrini? Le opere d’arte. No, sbagliato. I francobolli? Acqua. I diamanti? Fuori strada. La risposta ha quattro ruote. Sono infatti le auto classiche l’investimento più redditizio che si potesse fare negli ultimi dieci anni. Il verdetto arriva dall’indagine condotta dalla Knight Frank, società statunitense che si occupa di investimenti globali e che ogni anno pubblica il suo Luxury Investment Index. Oltre che una passione e una mania, per molti l’auto sta diventando un bene rifugio più prezioso dell’oro, delle monete antiche e degli investimenti immobiliari di prestigio nelle capitali finanziarie come Londra o New York. Le vetture classiche sono infatti il bene che rende di più sia sui cinque anni sia sui dieci, con margini di ritorno rispettivamente del 111 e del 469 per cento. Nemmeno le opere d’arte rendono così tanto (17% sui 5 anni e 226 sui 10): più o meno le stesse percentuali del vino (rispettivamente 45% e 226%). Nemmeno...
Redazione Ruoteclassiche