Aste
14 maggio 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Ayrton Senna vince il GP di Monaco… 2018

La McLaren F1 del compianto campione brasiliano ha battuto tutte le altre monoposto in vendita nel week end di aste appena concluso a Montecarlo. Ma il campione del mondo resta ancora Schumacher.

La F1 McLaren-Cosworth Ford MP4/8A ha battuto ancora una volta le concorrenti nella piazza in cui nel 1993 portò per la quinta volta Ayrton Senna a vincere il GP di Monaco. La vettura è stata aggiudicata da Bonhams a 4.197.500 euro dopo un agguerrito e lungo susseguirsi di rilanci a suon di decine di migliaia di euro. Alla fine l’ha spuntata l’ex patron della Formula Uno Bernie Ecclestone che aggiunge così un altro gioiello alla sua prestigiosa collezione di monoposto.

La quotazione della ex-McLaren di Senna non è però la più alta raggiunta in questo particolare segmento del collezionismo di auto storiche. Il record mondiale appartiene ancora alla Ferrari F2001 ex-Schumacher battuta da Sotheby’s a New York lo scorso 16 Novembre alla ragguardevole cifra di 6.348.560 euro.

Senna si aggiudica anche il secondo posto in questa speciale classifica grazie a un’altra delle sue monoposto di F1 in vendita a Montecarlo, sempre da Bonhams. La Toleman-Hart TG184 del 1984, prima F1 guidata da Senna in un GP di Monaco, ha raggiunto (anche in questo caso dopo una serrata competizione tra collezionisti) la quotazione di 1.610.000 euro. Un risultato ben al di sopra della stima d’asta fissata tra i 750.000 e il milione di euro.

Oltre le aspettative anche il valore raggiunto dalla Benetton B192 del 1992 seconda classificata al GP di Spagna di quell’anno con al volante Michael Schumacher, aggiudicata a 815.000 euro contro i 750.000 stimati inizialmente.

Quarta classificata la Jordan 199 F1 del 1999 seconda classificata al GP di Australia e terza al GP del Brasile grazie alla guida del tedesco Heinz-Harald Frentzen. Per aggiudicarsela uno sconosciuto collezionista ha sborsato intorno ai 250.000 euro (i dati ufficiali non sono ancora stati comunicati).

Ultima ma non ultima, la ex-Formula 3 Tecno di Ronnie Peterson, il pilota svedese scomparso a Monza durante il GP d’Italia del 1978. La vettura, offerta direttamente dalla figlia Nina, presente in sala, ha raggiunto la quotazione di 92.000 euro.

Non classificata invece la Ferrari F1/87, monoposto F1 del 1987 guidata in quell’anno da Michele Alboreto: la vettura stimata tra i 650 e gli 850.000 euro non è stata aggiudicata. E dire che era stata proposta più o meno allo stesso prezzo della Benetton di un giovane Schumacher.

Gilberto Milano

Condividi
COMMENTI