Due miti su una Cadillac DeVille convertible del '66 - Ruoteclassiche
Cerca
Personaggi
02/05/2018 | di Paolo Sormani
Due miti su una Cadillac DeVille convertible del ’66
I due personaggi in viaggio sulla Cadillac DeVille convertibile del ’66 sono molto speciali. Il Re siede giustamente sul sedile posteriore. È americano e nero come il suo smoking. Il suo autista è un Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico. La Fender Stratocaster, lo stile e il viso nel retrovisore sono quelli di Eric Clapton
02/05/2018 | di Paolo Sormani

La griglia, il massiccio paraurti, i quattro fanali sovrapposti. Le note di chitarra elettrica, brillanti come i dettagli supercromati, dicono che i due personaggi in viaggio sulla Cadillac DeVille convertibile del ’66 sono molto speciali. Il Re siede giustamente sul sedile posteriore. È americano e nero come il suo smoking. Il suo autista è un Commendatore dell’Ordine dell’Impero Britannico. La Fender Stratocaster, lo stile e il viso nel retrovisore sono quelli di Eric Clapton, uno dei più grandi chitarristi inglesi di sempre e ferrarista di lungo corso.

A B.B. King era unito da una smisurata ammirazione e dalla passione per il blues, che li ha resi due leggende viventi. “Every woman, child and man. Gets a Cadillac and a great big diamond ring. Don’t you know you’re riding with the King?”. Questo godibilissimo duetto è un omaggio ai 60 anni di carriera musicale del grande B.B. King. Da quando era quel ragazzino terribile di 10 anni che nel clip si aggiusta da il cappello troppo grande e l’abito da due soldi, in uno dei miserabili cessi segregati del “chitlin’ circuit”, i locali per soli neri del Sud degli Stati Uniti – King era del Mississippi, la culla del Blues.

Clapton appartiene alla generazione di giovani inglesi che negli anni Sessanta salvò B.B. King e gli altri bluesmen dall’oblio. Quando era il chitarrista dei Cream, nel 1967 Clapton lo invitò a suonare insieme per la prima volta al Cafe Au Go Go di New York City. King aveva il doppio della sua età e dovette aspettare trent'anni per registrare un disco con il suo discepolo inglese, il superclassico “Rock Me Baby”. B.B. ha continuato a suonare Lucille, la sua leggendaria Gibson ES-335 custom, fino al 14 maggio 2015.

Paolo Sormani

COMMENTI
In edicola
Segui la passione
Maggio 2024
In copertina sul numero di maggio di Ruoteclassiche un Maggiolino Cabriolet molto particolare. Si tratta di una rarissima versione dotata del kit Okrasa, che la rende davvero molto vivace. Poi il ricordo di Ayrton Senna a 30 anni dalla scomparsa, la Mercedes 190 E 2.3-16, l'Alfa Romeo 6C 2500 Sport carrozzata Turinga, l'intervista al collaudatore delle Lamborghini Valentino Balboni e il Test a test fra due affascinanti coupé come la BMW 3.0 CSL e la Jaguar XJC 4.2
Scopri di più >