SPRITE VS “COPEN”

Si fanno ancora spider come una volta? Con i dovuti aggiornamenti tecnologici, la risposta è sì. Lo testimonia l’inedito confronto presentato su “Ruoteclassiche” di luglio tra una Austin Healey “Sprite” del 1960 e una Daihatsu “Copen” del 2007.

Quasi cinquant’anni e due oceani a dividerle, ma tanti elementi in comune: a cominciare dai due posti secchi rasoterra e dai bassi costi di esercizio. Per continuare con le sensazioni di guida e l’essenzialità degli spazi a bordo. L’inglesina è una trazione posteriore con motore di 948 cm³ da 48 CV a 5200 giri; la giapponesina, a trazione anteriore e solo 5 centimetri più corta della “Sprite”, ha un 4 cilindri di 1298 cm³ da 87 CV a 6000 giri.

Ovviamente, gli anni non sono passati invano: la “Copen” dispone di serie di tutte le diavolerie elettroniche di ultima generazione, dall’ABS agli airbag, all’aria condizionata, e ha persino l’hardtop “incorporato”, che si ripiega nel bagagliaio in una ventina di secondi. Ma lo spirito è rimasto quello della lontana parente inglese, soprattutto nelle sensazioni di guida.

partecipa alla conversazione

SPRITE VS “COPEN”

1 DI 3

SPRITE VS “COPEN”

Si fanno ancora spider come una volta? Con i dovuti aggiornamenti tecnologici, la risposta è sì. Lo testimonia l’inedito confronto presentato su “Ruoteclassiche” di luglio tra una Austin Healey “Sprite” del 1960 e una Daihatsu “Copen” del 2007.

Quasi cinquant’anni e due oceani a dividerle, ma tanti elementi in comune: a cominciare dai due posti secchi rasoterra e dai bassi costi di esercizio. Per continuare con le sensazioni di guida e l’essenzialità degli spazi a bordo. L’inglesina è una trazione posteriore con motore di 948 cm³ da 48 CV a 5200 giri; la giapponesina, a trazione anteriore e solo 5 centimetri più corta della “Sprite”, ha un 4 cilindri di 1298 cm³ da 87 CV a 6000 giri.

Ovviamente, gli anni non sono passati invano: la “Copen” dispone di serie di tutte le diavolerie elettroniche di ultima generazione, dall’ABS agli airbag, all’aria condizionata, e ha persino l’hardtop “incorporato”, che si ripiega nel bagagliaio in una ventina di secondi. Ma lo spirito è rimasto quello della lontana parente inglese, soprattutto nelle sensazioni di guida.

 
Austin Healey
Daihatsu
Motore
anteriore, 4 cilindri in linea
anteriore, 4 cilindri in linea
Cilindrata
948 cm³
1298 cm³
Potenza
48 CV (SAE) a 5200 giri
87 CV a 6000 giri
Coppia
7,2 kgm (70,5 Nm) a 3300 giri
120 Nm a 4400 giri
Alimentazione
2 carburatori SU H1
iniezione elettronica
Cambio
4 marce (I non sinc.)
5 marce
Trazione
posteriore
anteriore
Corpo vettura
spider, 2 posti
spider, 2 posti
Sospensioni anteriori
indipendenti, quadrilateri
indipendenti, McPherson
Sospensioni posteriori
ponte rigido
ruote interconnesse
Freni (ant/post)
tamburi/tamburi
dischi/tamburi
Sterzo
a cremagliera
a cremagliera, servosterzo
Lung./Larg./Alt.
3490/1350/1210 mm
3440/1475/1245 mm
Passo
2030 mm
2225 mm
Peso a vuoto
650 kg
775 kg
Velocità
133 km/h
180 km/h
Consumo medio
8,0 l/100 km
6,0 l/100 km
Pneumatici
145/80 R13
165/50 R15

partecipa alla conversazione

SPRITE VS “COPEN”

1 DI 3