Pechino-Parigi Classic, tre Giulia nei primi quattro posti

Strepitosa affermazione parziale delle Alfa Romeo Giulia alla quinta riedizione del rally Pechino-Parigi per auto storiche. L’equipaggio Giorgio Schön e Pierre Tonetti è balzato al comando delle classifica assoluta al termine del primo quinto di gara e dopo le prime cinque massacranti prove speciali disputate nelle pietraie del Gobi.

La coppia italiana ha un minuto di vantaggio sugli immediati inseguitori dopo che i primi tre della classifica generale – che stavano correndo a medie superiori a 110 chilometri orari – hanno subito pesanti ritardi per guasti o cappottamenti. Nella categoria “Classic”, oltre a Schön stanno ben figurando anche le Giulia della Scuderia del Portello: il presidente Marco Cajani è terzo e il giornalista Roberto Chiodi quarto. Entrambi stanno viaggiando sempre vicini e, per il momento, attuano una strategia difensiva facendo attenzione a non prendere rischi e pronti ad aiutarsi a vicenda. Bene anche l’altra Giulia di Puddu-Castellini mentre quella di Guasti padre e figlio è ferma e forse dovrà sostituire una valvola (ricambio già in volo dall’Italia).

Domani la carovana riparte verso nord ovest. Ci saranno cinque terribili giornate, la notte sempre in tenda, praticamente impossibili gli interventi di assistenza. Tutti i giorni controlli orari e speciali penalizzate al secondo impiegato. Un invito a correre; ma farlo su piste vagamente tracciate, sempre molto lunghe e piene di insidie, comporta tantissimi rischi. Parigi é ancora lontana quattro settimane di gara…

R.C.

partecipa alla conversazione

Pechino-Parigi Classic, tre Giulia nei primi quattro posti

1 DI 5