Eventi
28 January 2019 | di Redazione Ruoteclassiche

Automotoretrò, al Lingotto casco e guanti ai campioni

Sedici piloti con il rally nel sangue, otto uomini e otto donne, saranno protagonisti della sfida sul circuito allestito nell’area esterna di Automotoretrò, al Lingotto di Torino.

Promette letteralmente fuoco e fiamme l’esibizione che andrà in scena sul tracciato allestito all’esterno dell’Oval del Lingotto, a Torino. Le attività dinamiche di Automotoracing regaleranno ai visitatori della trentasettesima edizione di Automotoretrò l’opportunità di vedere in azione alcuni dei migliori piloti italiani di ieri e di oggi.

La grande sfida. Su un tracciato tecnico e tortuoso (che riprodurrà in tutto e per tutto le caratteristiche di una prova speciale) sedici driver professionisti (otto uomini e otto donne) si sfideranno alla ricerca del miglior tempo a bordo dei bolidi da rally delle classi R5 (che si appresta a sostituire la Super 2000) e R2B (le signore guideranno le Peugeot 208 allestite secondo i regolamenti FIA di quest’ultimo raggruppamento).

In pista senza sosta. Le esibizioni si svolgeranno ininterrottamente, con sessioni di prove libere e di gara programmata in tutti e tre i giorni di manifestazione previsti. L’appuntamento per i fan del motorsport, quindi, è da venerdì 1° febbraio a domenica 3 febbraio. Dalle uscite dei padiglioni dell’Oval e del Lingotto - entrambi raggiungibili sia da Via Nizza sia dalla passerella olimpica che collega il polo fieristico con piazza Galimberti (consigliatissima una passeggiata sul ponte pedonale per godersi lo show dall’alto) - si accederà all’area esterna, dove gli organizzatori hanno preparato un tracciato che si snoda per più di 1000 metri e previsto diverse zone per gli spettatori.

Prova a prendermi. L’esibizione sarà raccontata direttamente dal microfono di Giovanni Di Pillo, voce dei mondiali Superbike e SuperSport per Eurosport e Virgin Radio. I giorni clou saranno il sabato 2 e la domenica 3 febbraio, quando i piloti daranno prova della loro bravura in prove cronometrate e di inseguimento tra chichane, tornanti e curve a gomito.

(Leggi qui l'articolo di presentazione della fiera)

Condividi
COMMENTI