Anniversari, l’Anas compie novant’anni

L’Ente che forse più di ogni altro ha contribuito alla rinascita e allo sviluppo economico dell’Italia celebra il suo novantesimo compleanno con una mostra fotografica itinerante che ripercorre la storia del nostro Paese dal 1928 a oggi.

Era il 17 maggio 1928 quando il governo Mussolini varò una legge per la costituzione dell’AASS (Azienda Autonoma Statale della Strada) con lo scopo di “depolverizzare”  le strade italiane in gran parte ancora allo stato di “mulattiere” e dare al Paese le infrastrutture necessarie per avviare lo sviluppo economico.

Sono passati 90 anni da allora e l’Anas (nel 1946 l’AASS viene soppressa e al suo posto viene costituita l’Azienda Nazionale Autonoma delle Strade Statali e successivamente l’Azienda Nazionale Autonoma delle Strade) che oggi è una Spa controllata dal Gruppo Ferrovie dello Stato Italiane, ha deciso di celebrare questo importante compleanno con una mostra itinerante.

Con il titolo “Mi ricordo la strada” la mostra ripercorre la storia d’Italia attraverso le immagini di 10 grandi eventi che hanno avuto uno stretto legame con le strade: dallo sbarco degli alleati in Sicilia nel 1943 con spettacolari immagini riprese dall’alto che indicavano i percorsi possibili alle truppe di terra, alla condizione delle strade durante l’alluvione di Firenze del 1966 e così per altri eventi di massa sportivi, musicali, politici e d’arte.

Le strade quindi come infrastrutture grazie alle quali il Paese è riuscito a crescere e sulle quali si è consumata la storia d’Italia negli ultimi 90 anni. L’Anas ha contribuito prima alla modernizzazione del Paese, quindi ha partecipato alla ricostruzione riparando i danni provocati dalla guerra, ha gestito successivamente il fenomeno della motorizzazione di massa e continua oggi a svolgere un “ruolo trasversale” gestendo una rete di 26.000 chilometri (la più ampia del mondo gestita da un ente) e 1.800 gallerie, le più numerose d’Europa.

Tanto per avere un’idea dell’importanza del ruolo sociale svolto da questa società, ogni giorno sulla rete Anas transitano 6,5 milioni di auto e 500 mila camion su cui si muovono  8,5 milioni di persone. È la rete che collega gli snodi più importanti del Paese,  che rende accessibili a tutti il 50% dei porti italiani, il 50% dei siti Unesco e le strutture industriali italiane.

La mostra sosterà a Milano fino al 18 marzo presso il palazzo della Triennale e poi si sposterà a bordo di un truck a Trieste, Reggio Emilia, Assisi, Olbia, Salerno, Reggio Calabria e Catania dove il 17 maggio si terrà la festa di celebrazione del 90° compleanno.

Gilberto Milano

partecipa alla conversazione

Anniversari, l’Anas compie novant’anni

1 DI 4