Eventi
05 settembre 2018 | di Redazione Ruoteclassiche

Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi, weekend di salite senza cronometro

Saranno le vetture di qualsiasi tipologia - stradali, corsa, barchetta, prototipi, formula, ecc. - ad animare l'edizione 2018 della Rievocazione Storica Caprino-Spiazzi, in programma nel weekend dell'8-9 settembre. Lo ha ribadito in queste ore, nella sala consiliare del Comune di Caprino Veronese, l'ente organizzatore, cioè l'Automobile Club Verona, in collaborazione con AC Verona Sport e AC Verona Historic.

Fino al 1994. Ci sarà però un allargamento temporale, rispetto alle edizioni precedenti, con l'ammissabilità di modelli fino al 1994 e la consueta suddivisione in due categorie: la Parata Classica, aperta alle sole vetture stradali dal 1919 al 1994, e il Raduno Rievocativo Dinamico, dedicato alle sportive in allestimento corsa anche senza targa, purché costruite fra il 1950 e il 1994 (ne avevamo parlato anche qui).

Pezzi rari. Si va delineando intanto con le iscrizioni il parco delle partecipanti: ci saranno una rara versione corsaiola della Ford Mondeo STW, con un passato in Super Turismo (portata da Silvio Longhi) e una BMW M3 E36 GTR (Thomas Marcotto); tra le vetture prettamente da salita, saranno presenti una Simbol LM86 Sport Prototipo (Cristina Bonatti); tra le Formula, una MRE Formula Ford (Bruno Pareccini), una Vargiu Formula Monza (Piergiorgio Frizzi) e una Porsche 964 RS (Lukas Klotz).

Regine degli sterrati. Eleganza e rally saranno degnamente rappresentate dalla Attila MK7 (Paolo ed Edoardo Galiotto), la Cooper Bristol T22 (Davide Fiorio) e la McLaren Can Am Chevrolet V8 OHY (Marino Rebmann); come regine degli sterrati, spazio alla Lancia Delta Evo ex ufficiale con la quale Juha Kankkunen partecipò all'edizione 2016, la Lancia Delta S4 (Damiano Schena), la Fiat 500 Giannini 650 (Lino Buttura), la Renault A110 Gordini (Franco Polloni) e la Lancia Fulvia Zagato (Marco Pitondo).

Per i più piccoli. La partnership con il parco divertimenti di gardaland acconteneterà anche i più piccoli, con la presenza della mascotte Prezzemolo, a bordo di una Citroën 2 CV del 1985, seguita dalla Gardaland's Car, una Fiat X 1/9 costruita nell'estate del 1975, quando venne inaugurato appunto il famoso parco dei divertimenti.

Niente classifica. Tre le manches previste (sul percorso storico nella sua conformazione più lunga: 9 chilometri), che però non contribuiranno a stilare una classifica a tempo: la gara è infatti una rievocazione e le vetture saranno selezionate in base al loro interesse storico-sportivo da una giuria composta da Giuseppe Agostini, Luca Cattilino e Alberto Zanchi, esperti veronesi, rispettivamente di auto d'epoca classiche, sportive e da competizione.

Condividi
COMMENTI