Porsche 911, le serie speciali commemorative

Porsche ha prodotto recentemente la milionesima 911. Nella sua storia la Casa di Stoccarda non ha mancato di celebrare i traguardi raggiunti dalla Elfer nei momenti “topici” della sua carriera con una serie di versioni speciali. Ecco un piccolo vademecum ai modelli celebrativi della più famosa delle Porsche.

Porsche 911 S 2.7 Anniversary Edition 1975. La prima serie speciale celebrativa della 911 non fu, in verità concepita come omaggio alla 911 stessa. La S 2.7 Anniversary Edition, infatti, celebrava 25 anni di produzione Porsche a Stoccarda. Ferdinand Porsche e il figlio Ferry, negli anni immediatamente successivi alla guerra, vissero nel paesello austriaco di Gmund. Qui, nella primavera del ’48, fu costruita la 356 n.1 a motore centrale, la prima vettura ufficialmente a marchio Porsche, e successivamente iniziò la costruzione dei primi esemplari, identificati nella cultura Porsche come 356 Gmund. Questa particolare versione è riconoscibile per il colore Diamond Silver (o “diamantsilber”, codice colore 936). L’abitacolo era personalizzato con sedili in misto pelle / tweed bianco e una placchetta sullo sportello del vano portaoggetti con il numero delle esemplare, la firma di Ferry Porsche e la frase “Porsche, 25 years of driving in its purest form”. Meccanicamente presentava differenze con il modello standard: motore 6 cilindri boxer di 2,7 litri, 165 Cv, cambio a 5 marce. Le fonti indicano una produzione complessiva di 1.063 esemplari, distribuiti tra Coupé e Targa.

Porsche 911 Carrera 3.2 Jubilaums Sonderserie 1988. All’inizio di giugno del 1987 le catene di montaggio di Zuffenhausen sfornarono l’esemplare numero 250.000 della 911. Per festeggiare questo traguardo produttivo, Porsche progettò un modello commemorativo della 911 Carrera 3.2, intitolato “Giubileo” (lo stesso valse per la 924 e la 944) e in vendita con il Model Year ‘88. Tutte le 911 Carrera 3.2 “Jubilaum Sonderserie 1987 250.000” (meccanica della Carrera con boxer 6 cilindri da 3,2 litri, 231 Cv, cambio a 5 marce tipo G50) erano allestite con un ricco equipaggiamento: vernice speciale Blu Diamante metallizzato, codice colore L697, abbinata a cerchi Fuchs dello stesso colore della carrozzeria. L’abitacolo si presentava con sedili in pelle speciale blu/Argento con la firma di Ferry Porsche sui sedili, tappetini personalizzati, leva del cambio con leveraggio più corto, tetto apribile elettrico (sulla coupé) e capote ad azionamento elettrico (sulla Cabriolet). Infine una placca metallica di forma rotonda applicata allo sportello del cassettino portaoggetti permetteva di riconoscere direttamente la versione. Secondo i registri Porsche, la 911 Carrera 3.2 “Giubileo” è stata prodotta in 875 esemplari in tutto il mondo, distribuiti tra versioni Coupé, Targa e Cabriolet. 300 di questi hanno preso il volo verso il mercato Americano.

911 Carrera 3.2 Silver Anniversary 1989. Prodotta nell’anno successivo alla Jubilaums, ancora sulla meccanica della Carrera fu ricavata la versione limitata Silver Anniversary (876 esemplari, 300 dei quali esportati sul mercato americano). Tecnicamente identica a una Carrera 3.2 normale, si distingueva da quest’ultima per il colore blu Diamante metallizzato, ruote in colore carrozzeria, interni in pelle colore blu scuro metallizzato, tappettini di maggior spessore e con bordatura speciale. Sui poggiatesta l’immancabile firma “F. Porsche”. L’allestimento prevedeva anche sedili, vetri e specchi ad azionamento elettrico, aria condizionata, cruise control. Sul cassetto portaoggetti, infine, una placchetta metallica quadrata indicava la serie speciale.

Porsche 911 – 964 “30 Jahre” 1993. Al Salone di Ginevra del marzo del 1993, Porsche presentò la versione celebrativa dei 30 anni della 911. La 911 “30 Jahre”, meccanicamente basata sulla Carrera 4 (boxer 6 cilindri, 3,6 litri, 250 Cv, cambio a 5 marce, trazione integrale) è stata prodotta nel ’93 (Programma P) e ’94 (Programma R) fino a un totale di 911 esemplari. Contrassegnate, nel codice relativo alla designazione del modello, con la sigla M-096, le 911 Anniversary presentano la carrozzeria Turbolook (senza spoiler posteriore fisso della Turbo ma con alettoncino retrattile automatico), ruote in lega da 17” (con pneumatici da 205/55 davanti e 255/50 dietro), impianto freni della Carrera e (almeno ufficialmente) solo due colorazioni: viola metallizzato o grigio metallizzato (alcune fonti riportano che alcune di queste siano state verniciate in rosso o nero metallizzato). Internamente è possibile riconoscerle anche per la placchetta smaltata sulla cappelliera posteriore (“30 Jahre 911, Limited Edition n. XX), pomello del cambio con incisione delle marce in colore titanio e scritta “911” sul cofano motore. L’equipaggiamento di serie, naturalmente, era compreso di tutto.

Porsche 911 – 996 40 Jahre. Nel 2003 è toccato alla famiglia della 996 festeggiare il raggiungimento di un importante traguardo. La 911 per il quarantesimo anniversario dall’inizio delle vicende è la versione “40 Jahre”, una 996 Carrera con trazione posteriore ma un equipaggiamento davvero esagerato: tutti i 1.963 esemplari della serie sono verniciati in colore grigio GT metallizzato. Esternamente questa versione presenta ruote in lega da 18” con finitura lucida, scudo paraurti anteriore della 996 Turbo e targhetta identificativa posteriore. Il motore, il 6 cilindri boxer di 3,6 litri con raffreddamento a liquido, presenta il kit di potenziamento X51 da 345 Cv. Gli interni presentano un allestimento speciale: volante sportivo a tre razze, sedili sportivi in pelle (riscaldati) in colore grigio GT, navigatore satellitare, clima bizona, telefono, tunnel centrale, leva del cambio e anelli della strumentazione in tinta carrozzeria.

Porsche 991 50 Jahre. Al Salone di Francoforte del 2013, sulla meccanica della Porsche 991 MK1, ecco infine la versione per i 50 anni, realizzata con la carrozzeria “allargata” della Carrera 4 ma la sola trazione posteriore e la meccanica della Carrera S, con boxer 6 cilindri 3.8 da 400 Cv. E’ disponibile nei colori speciali grigio grafite e grigio scuro metallizzato o nero di serie. Esteticamente si riconosce per i cerchi speciali da 20″ in colore nero opaco con razze lucide e alcune modanature cromate (sulla presa d’aria anteriore e sulla griglia posteriore). Sul cofano posteriore si staglia la targhetta commemorativa 911 50, ripresa anche sui poggiatesta dei sedili, sul battitacco in alluminio e sul coperchio del portabevande, dove è applicata anche la targhetta con il numero dell’esemplare.

Alvise-Marco Seno

partecipa alla conversazione

Porsche 911, le serie speciali commemorative